L'ex console di Haiti in Italia: è una vera apocalisse

1' di lettura

Massimo Porpiglia, ai microfoni di SKY TG24, parla di quel paese dimenticato da tutti e oggi distrutto dal sisma che ha scosso la terra. Ascolta la sua testimonianza

Terremoto ad Haiti, morti e dispersi. I video

LE FOTO DEL DISASTRO
I VOLTI DELLA TRAGEDIA

TESTIMONIANZE DALL'INFERNO. Ascolta le voci dei sopravvissuti


"E' un paese distrutto" dice tirando un respiro profondo. Mimmo Porpiglia, ex console di Haiti in Italia, raggiunto da SKY TG24 parla di quella terra che conosce bene e che oggi, dopo le scosse di terremoto fino al 7° grado della scala Richter, è distrutta.

Haiti è un paese quasi tutto collinare, spiega Porpiglia, e ora sono "crollate giù le montagne. Sono crollate le colline e le case, vere e proprie bidonville fatte di latta e cartone, vi lascio immaginare qual è la situazione". E aggiunge: "E' una vera e propria apocalisse". 

"Ad Haiti non c'è luce, non c'è acqua. La gente vaga impazzita per le strade" continua Porpiglia in collegamento telefonico da Miami, da dove è in contatto con i suoi familiari sull'isola. L'ex console afferma che probabilmente ci sono "decine di migliaia di morti".

La situazione è aggravata dal fatto che ad essere molto colpite sono state anche le comunicazioni: "Qui ci sono tre grandi gruppi telefonici, due di questi sono saltati - ha detto - comunichiamo con i satellitari". L'ex console ha anche spiegato che gli effetti del sisma sono stati peggiorati dal disboscamento dell'isola: "Per anni, non avendo risorse, gli abitanti hanno tagliato gli alberi, e quindi le colline sono crollate" sotto l'effetto del sisma, non più sostenute dalle radici della vegetazione.

Guarda anche:

Haiti, Facebook si trasforma in bacheca d'emergenza
Terremoto Haiti, i video amatoriali finiscono in rete
La testimonianza di un sopravvissuto
Croce Rossa: "In piedi un solo ospedale"
Haiti, il paese più povero d'America
Tutte le notizie su Haiti
Il meteo sulla regione colpita

Leggi tutto