Terrorismo, Frattini a Gennaio in Mauritania

1' di lettura

Porta la firma di Al Qaeda la rivendicazione del sequestro dei coniugi rapiti in Mauritania. Il ministro Frattini, che a gennaio sarà in Mauritania, la ritiene verosimile. E ribadisce che con i terroristi non si tratta

Dopo la rivendicazione da parte di Al Qaeda del sequestro dei nostri due connazionali, il ministro degli esteri, Franco Frattini ha deciso di recarsi nel Paese. Le vite di Sergio Cicala, 65 anni siciliano di carini e sua moglie Philomen, 39 del Burkina Faso sono nelle mani di Abdel Malek Droukdel, capo di Al Qaeda per il Magreb islamico. Emiro che comanda 700 tuareg armati di mitragliatori e lanciagranate. Le prove: una foto e un messaggio audio. Uno scenario ritenuto verosimile dal ministro degli esteri Franco Frattini.

GUARDA ANCHE:

La Russa: "Li riporteremo a casa ma non sono eroi"
Frattini: "Con i terroristi non si tratta"
Al Qaeda, con un messaggio audio, rivendica il rapimento
Il riserbo dei familiari di Sergio Cicala
Italiani rapiti in Mauritania, l'appello della figlia

Leggi tutto
Prossimo articolo

le ultime notizie di skytg24