Cina, cittadino britannico giustiziato. Sdegno di Brown

1' di lettura

Nonostante le proteste internazionali non c'è stato nulla da fare per Akmal Shaik, ucciso con un'iniezione letale dopo due anni di detenzione in carcere per traffico di droga. La notiza è stato data dal premier inglese, che si è detto "scandalizzato"

La diplomazia internazionale, l'appello della famiglia e l'intervento dello stesso premier inglese Gordon Brown non sono valsi a salvare dalla pena capitale il 53enne Akmal Shaik, cittadino britannico, arrestato in Cina, nel 2007, per possesso di quattro chili di eroina. L'uomo è stato giustiziato alle 3,30 del mattino. Chi difende Shaik sostiene che era un uomo affetto da turbe mentali e che la condanna a morte è stata emessa dopo un processo farsa durato trenta minuti. In ogni caso resta il fatto che il 53enne è il primo europeo a essere stato giustiziato in Cina da cinquant'anni a questa parte. Sdegno del premier britannico Gordon Brown, che, stigmatizzando «nel modo più assoluto» l'esecuzione, ha dichiarato: "Sono scandalizzato e deluso che le nostre richieste insistenti di clemenza non siano state esaudite". 

Leggi tutto