Rapimento Mauritania, Mantica: "Dubbi su ruolo Al Qaeda"

1' di lettura

Mentre continua l'impegno delle istituzioni italiane per la liberazione della coppia sequestrata in Africa, ha fatto il giro del mondo la notizia che dietro il fatto ci sarebbe il gruppo terroristico. Commento dubbioso del sottosegretario agli Esteri

Mentre continua l'impegno delle istituzioni italiane per la liberazione della coppia italiana sequestrata in Mauritania, ha fatto il giro del mondo la notizia che dietro il rapimento ci sarebbe Al Qaeda. Al riguardo Alfredo Mantica, sottosegretario agli Esteri, ha espresso la sua perplessità circa tale rivendicazione, la quale, pur vera, "non cambia assolutamente quelle che sono le azioni in corso. Dalla rivendicazione, infatti, non scatta alcun meccanismo diverso. Le operazioni procedono come prima nel silenzio stampa, per continuare ad avere le informazioni necessarie. Stiamo facendo il massimo, anzi qualcosa in più, perché questo caso possa risolversi, anche se siamo in una zona molto particolare con una situazione molto complessa, in cui si assommano bande di predoni a uomini che lavorano per Al Qaeda".

Guarda anche:
Al Qaeda, con un messaggio audio, rivendica il rapimento
Il riserbo dei familiari di Sergio Cicala

Italiani rapiti in Mauritania, l'appello della figlia

Leggi tutto