Iran, nuovi scontri a Teheran: morti tra i manifestanti

1' di lettura

I dimostranti anti governativi in piazza nel giorno in cui si celebra la festività sciita dell'Ashura. La polizia risponde con cariche, lacrimogeni e spari

Il centro di Teheran si è trasformato stamani in un campo di battaglia, quando decine di migliaia di oppositori sono tornati in piazza e sono stati attaccati dalle forze di sicurezza in occasione della ricorrenza sciita della Ashura. Secondo i siti dell'opposizione, la polizia ha aperto il fuoco sui manifestanti e vi sarebbero stati almeno dieci morti. Ma la polizia nega che ci siano vittime. Anche se in serata la Tv di Stato conferma: "Almeno quattro vittime in piazza e tra loro il 35enne nipote del leader dell'opposizione Moussavi". 

Un po' ovunque i manifestanti hanno dato fuoco anche a molti cassonetti dell'immondizia per proteggersi con il fumo dall'effetto dei lacrimogeni. Un sito dell'opposizione riferisce di scontri avvenuti anche nelle città di Isfahan e Najafabad. In quest'ultimo centro, luogo natale del grande Ayatollah dissidente Hossein Ali Montazeri, la tensione è alta fin da domenica scorsa, quando è stata annunciata la morte del leader religioso.

E dalla Casa Bianca il commento che arriva è perentorio: "Stiamo dalla parte di chi lotta per il rispetto dei diritti civili"
 

GUARDA ANCHE:

Iran, la protesta dei ragazzi in chador e guarda le foto
Folla di oppositori ai funerali di Montazeri
La testimonianza del corrispondente dell' Ansa
Attentati nel mondio islamico per l'Ashura

Tutte le notizie sull'Iran

Leggi tutto