Al-Zawahiri: Obama in crociata contro l'Islam

Al-Zawahiri
1' di lettura

Torna a farsi sentire Al Qaeda con un messaggio audio del suo numero due dedicato alla questione palestinese.

"Quella del presidente americano Barack Obama non è altro che una nuova puntata della guerra crociata contro l'Islam". E' quanto ha affermato il numero due di al-Qaeda, Ayman al-Zawahiri, in un nuovo messaggio audio della durata di 26 minuti diffuso oggi in rete.
Tema dell'ultimo messaggio del vice di Osama Bin Laden è la questione palestinese e le divisioni tra Hamas e al-Fatah. Il medico egiziano definisce il tema dell'unità nazionale a cui si rifanno spesso i politici palestinesi "un idolo" e chiede ai due gruppi di dedicarsi alla jihad. Inoltre accusa il capo di stato americano di "benedire il gioco portato avanti dall'Egitto, che da un lato si pone come unico mediatore tra i palestinesi e gli israeliani, e dall'altro impone ai palestinesi di fare concessioni a Israele e attua l'embargo su Gaza".
Secondo al-Zawahiri, "se l'Egitto può fare questo è grazie a Obama, servo del nuovo ordine mondiale e suo messaggero, che ha fatto capire al mondo di sostenere Israele. I suoi sorrisi e le sue richieste di collaborazione non hanno fatto altro che mostrare come la sua sia solo una nuova puntata della guerra crociata per occupare le nostre terre e rubare le nostre ricchezze, combattere la nostra religione e la nostra sharia". Facendo un bilancio di questi primi mesi della presidenza Obama, il medico egiziano aggiunge: "Cosa abbiamo avuto finora da Obama? Nient'altro che pressioni ed embargo".
Il numero due di al-Qaeda ha inoltre attaccato il re giordano Abdullah II, accusandolo di aver fatto la pace con Israele, il presidente egiziano Hosni Mubarak, che a suo dire "vuole lasciare in eredità la guida del paese al figlio", e il presidente dell'Anp, Mahmoud Abbas. Il discorso si conclude con un riferimento al Pakistan: "La battaglia dell'esercito pakistano in Waziristan non è altro che un aiuto alle forze americane e presto perderanno", dice al-Zawahiri.

Leggi tutto
Prossimo articolo