Iraq, russi e norvegesi si accaparrano il petrolio

1' di lettura

Al termine dell'asta che ha assegnato parte delle riserve petrolifere irachene, la compagnia russa Lukoil e la norvegese Statoil si aggiudicano le riserve nel sud del Paese

Nel corso dell'asta per l'assegnazione di appalti ventennali sui pozzi iracheni, che si è svolta a Baghdad, la compagnia russa Lukoil e la norvegese Statoil hanno ottenuto la concessione per uno dei maggiori giacimenti petroliferi, nel Sud dell'Iraq. Lo ha annunciato il ministro del petrolio iracheno. Si tratta di uno dei giacimenti più grandi finora mai sfruttati, con delle riserve di quasi 13 miliardi di barili. La coppia Lukoil-Statoil ha strappato il contratto grazie a un'offerta che prevede di accrescere la produzione di 1,8 milioni di barili al giorno.

Guarda anche:

All'asta l'oro nero iracheno

 

Leggi tutto
Prossimo articolo