Copenaghen, scontri al corteo dei No-global

1' di lettura

Nella capitale danese la grande manifestazione organizzata dai no-global. Scontrii tra polizia e black bloc, sassi e petardi contro il Ministero degli Esteri. Centinaia le persone fermate


IL VERTICE DI COPENAGHEN, L'ALBUM FOTOGRAFICO

Sono state trentamila secondo le autorità, 100 mila secondo gli organizzatori le persone che nel pomeriggio hanno preso parte al corteo che dalla sede del parlamento di Copenaghen ha attraversato la città fino Bella Center dove è in corso il vertice Onu sul clima. Al termine della giornata circa 500 fermati dalla polizia e 60 arrestati, dopo gli scontri scoppiati a margine della manifestazione no global. Protagonisti degli incidenti almeno 300 black-bloc. Armati di pietre e mattoni hanno rotto finestre e vetrine nel centro della città colpendo anche la sede del ministero degli Esteri danese. Il gruppo di estremisti è stato isolato dalla polizia dal resto del corteo che è proseguito pacificamente. Ieri erano state arrestate 75 persone. Tutti rilasciati gli otto italiani fermati, tra cui i due attivisti Tommaso e Rocco Cacciari, nipoti del sindaco di Venezia Massimo Cacciari.

GUARDA ANCHE:
Copenaghen, bozza dell'accordo all'esame dei capi di stato
Anche l'Italia si mobilita, 100 piazze per il clima

Copenaghen, 7,2 miliardi dall'Europa per i Paesi più poveri
Le proteste del mondo: LE FOTO

Vertice Copenaghen: fermati 75 manifestanti

Leggi tutto