Russia: gruppo islamico rivendica attentato al treno

La scena dell'attentato al Treno Nievski Express
1' di lettura

Il gruppo del caucaso che fa capo al ribelle ceceno Dokou Oumarov ha rivendicato l'attentato di venerdì contro il convoglio russo

Un gruppo islamico del Caucaso che fa capo al leader separatista Dokku Umarov ha rivendicato oggi su un sito l'attentato al treno Nievski Express di venerdì sera in Russia che ha provocato 26 morti e una novantina di feriti.

La rivendicazione è stata pubblicata su un sito considerato la voce dei gruppi fondamentalisti islamici ceceni, il KavkazCenter.com. "Questa operazione è stata preparata ed eseguita insieme ad altri atti di sabotaggio, pianificati all'inizio di questo anno e portati a segno con successo contro una serie di siti strategicamente importanti in Russia, agli ordini dell'emiro del Caucaso, Dokku Umarov", dicono i ribelli separatisti islamici. Umarov è il guerrigliero che si è autoproclamato alla guida dell'Emirato del Caucaso: l'Emiro si propone di unire i vari gruppi islamici nel Caucaso settentrionare e di stabilire nella zona (che comprende Cecenia, Daghestan, Ingushezia e Cabardino-Balcaria) la legge islamica della sharia.


Leggi anche:
Treno Russia, il console: l'italiano ferito sta bene
Esplode bomba a San Pietroburgo: tre morti

Leggi tutto