Europa divisa sulla nomina delle grandi cariche

1' di lettura

"D'Alema sarebbe un eccellente candidato, peccato non sia proposto da un governo socialista". Lo ha detto il capogruppo del Pse all'Europarlamento Martin Schulz entrando al vertice del Pse che precede il summit europeo di stasera.

A Bruxelles il Vertice europeo dedicato alle nomine per le nuove figure previste dal Trattato di Lisbona. I capi di Stato e di Governo dovranno trovare un accordo politico sui nomi del prossimo Presidente permanente dell'Ue e dell'Alto rappresentante per la politica estera, che diventerà anche vice presidente della Commissione. La coppia più citata è quella composta dal belga Herman Van Rompuy e dall'italiano Massimo D'Alema. ''Siamo ancora lontani da un accordo'', ha detto il presidente di turno dell'Ue, il premier svedese Fredrik Reinfeldt.

Leggi tutto
Prossimo articolo