Gerusalemme, Usa e Onu dicono no ai nuovi insediamenti

1' di lettura

Israele ha intenzione di costruire nuovi alloggi nella zona sud est della Città santa. Critiche dalle Nazioni Unite. La Casa Bianca: siamo costernati

Nonostante le esortazioni internazionali, soprattutto degli Stati Uniti, a congelare le costruzioni nei Territori palestinesi, l'autorità municipale di Gerusalemme ha annunciato la costruzione di 900 nuovi alloggi nel quartiere di Ghilo nella zona est della città. La decisione ha nuovamente suscitato la protesta internazionale. Non solo quelle prevedibili del segretario delle Nazioni Unite Ban Ki-moon ma anche quelle della Casa Bianca. Gli Usa si sono detti: "Costernati".

Leggi tutto
Prossimo articolo