Cesare Battisti, da Parigi a Rio. Finiti 18 anni di fuga

1' di lettura

Ricercato dalla giustizia italiana dal 1983, da quando fuggi dal carcere di Frosinone dove era stato rinchiuso con l'accusa di 4 omicidi. Ieri l'ok del Brasile all'estradizione del leader dei Proletari Armati per il Comunismo

Da 28 anni l'ex leader dei Pac sfugge alla giustizia italiana. Nell' 83 evade dal carcere di Frosinone dove era stato rinchiuso con l'accusa d'aver commesso 4 omicidi e si rifugia in Francia. Durante la latitanza la sentenza in contumacia per i quattro omicidi che lo condanna all'ergastolo. Per Battisti, scrittore ormai affermato, le cose cambiano nel 2004 quando Parigi concede all'Italia l'estradizione. Ma il giallista osannato si volatilizza e sparisce nel nulla. La sua terza latitanza si conclude del 2007 quando 007 francesi, italiani e interpool lo localizzano a Rio de Janeiro.

Guarda anche:

Dal Brasile via libera all'estradizione
Adriano Sabbadin, sentenza giusta
La Russa: il Brasile è un paese vicino e amico
Torregiani: a volte la giustizia vince

Leggi tutto
Prossimo articolo