Honduras, si è dimesso il governo golpista

1' di lettura

Sulla base dell'accordo di Tegucialpa/San Josè, firmato la settimana scorsa, la giornata del 6 novembre dovrebbe vedere la nascita di un nuovo governo nazionale. Ferma opposizione di Zelaya, il presidente deposto con un colpo di Stato

Il governo del presidente de facto dell'Honduras, Roberto Micheletti, si è dimesso, la notte scorsa, per consentire la nascita di un governo di unità e riconciliazione nazionale. Punto di riferimento è stato l'accordo di Tegucialpa/San José, firmato la settimana scorsa dai protagonisti della crisi politica in corso in Honduras da giugno. L'accordo prevede, per la giornata del 6 novembre, la nascita di un nuovo governo di unità nazionale. Opposizione ferma di Manuel Zelaya, il presidente deposto con un golpe il 28 giugno scorso, che pretende di essere reintegrato nel suo incarico.

Leggi tutto
Prossimo articolo