Corte Ue: no al crocefisso a scuola. Governo: faremo ricorso

1' di lettura

Secondo Strasburgo rappresenta "una violazione della libertà religiosa". Sconcerto in Vaticano. Il ministro dell'Istruzione Gelmini spiega: "Fa parte delle nostre tradizioni"

Fa già discutere una sentenza della Corte dei Diritti di Strasburgo che ha definito "una violazione della libertà religiosa" la presenza dei crocefissi nelle aule. Sulla questione si registra sconcerto negli ambienti vaticani che però fanno sapere che debbono riflettere sulla sentenza prima di pronunciarsi. Il governo italiano annuncia ricorso mentre il ministro dell'Istruzione Gelmini che dice: "Fa parte della nostra tradizione, non possono togliercela".

Leggi anche:
La reazione del Vaticano e della Cei

Leggi tutto
Prossimo articolo