Polanski, Svizzera avvertì Usa dell'arrivo del regista

1' di lettura

Nuovi risvolti nel caso del regista, detenuto a Zurigo per lo stupro di una minorenne, avvenuto negli Stati Uniti nel 1977. Della sua presenza sul suolo elvetico Washington sarebbe stata avvisata dall'ufficio federale della giustizia

Nuovi risvolti nel caso Polanski, che fu arrestato lo scorso 26 settembre in Svizzera per lo stupro di una minorenne, avvenuto negli Stati Uniti nel 1977. Secondo l'Associated Press ad avvertire le autorità americane dell'arrivo del regista franco-polacco al festival del cinema di Zurigo sarebbe stato l'ufficio federale svizzero della giustizia. Polanski resta detenuto nel carcere di Zurigo.

Guarda anche:

Caso Polanski, artisti uniti per chiederne il rilascio
L'arresto di Roman Polanski scatena la rete
LA Times: "Polanski arrestato per colpa del suo legale"

Leggi tutto
Prossimo articolo