Lodo Alfano bocciato, le reazioni della stampa straniera

Il sito de El Mundo dà ampio risalto alla bocciatura del Lodo Alfano
1' di lettura

La sentenza emessa dai giudici costituzionali è la notizia di apertura dei siti dei principali giornali spagnoli, francesi e anglossassoni. Guarda le foto

Guarda la fotogallery e leggi le news sulla sentenza della Consulta

I siti spagnoli - La bocciatura del Lodo Alfano da parte della Corte Costituzionale
non ha lasciato indifferenti i media spagnoli. I due principali quotidiani spagnoli, il conservatore El Mundo e il liberale El Pais, hanno dato subito la notizia aprendo con questa notizia i rispettivi siti internet. Non ha fatto sconti al premier El Mundo che nell’articolo dedicato all’illegittimità costituzionale del Lodo Alfano per violazione degli art.3 e 138 della Costituzione titola: “Berlusconi deja de ser inmune ante la Justicia italiana” ("Berlusconi smette di essere immune davanti alla Giustizia Italiana"). Ancora più duro El Pais, famoso anche per aver pubblicato per primo sul suo sito Internet le foto di Villa Certosa, che titola: “El Constitucional echa por tierra la ley de inmunidad que protege a Berlusconi” ("La Corte Costituzionale straccia la legge sull’immunità che protegge Berlusconi").

I siti francesi - Anche in Francia la bocciatura del Lodo Alfano ha avuto la sua eco. Le Monde: "L'immunité de Silvio Berlusconi jugée anticonstitutionnelle". Derniere minute delle 18.23, l’ultimora: "La Corte Costituzionale italiana ha giudicato contraria alla Costituzione la legge che accorda l’immunità al Presidente del Consiglio durante l’esercizio delle sue funzioni. Nella sua motivazione di mercoledì 7 ottobre la Corte considera che la legge avrebbe dovuto, per essere valida, prevedere una modifica della Costituzione". Anche Liberation dà subito la notizia: "L'immunité pénale de Berlusconi invalidée": "Questa decisione della Corte Costituzionale potrà aprire la porta a strascichi giudiziari contro il residente del Consiglio, Silvio Berlusconi. La decisione potrà provocare altresì importanti conseguenze sul mandato di Berlusconi. I magistrati della Corte Costituzionale hanno giudicato che sarebbe stato necessario fare ricorso a una legge costituzionale, e non ordinaria, per assicurare l’immunità penale alle quattro più alte autorità istituzionali italiane, tra cui il Presidente del Consiglio. Dopo questa decisione Silvio Berlusconi potrà ritrovarsi presto sul banco degli accusati al processo Mills".

La stampa anglosassone -
Grande rilevanza alla notizia anche sul sito del Financial Times, su quello del Times, The Guardian, Wall Street Journal.


LEGGI TUTTE LE NEWS SULLA SENTENZA DELLA CONSULTA

Leggi tutto