Honduras, verso la revoca dello stato d'assedio

1' di lettura

Dopo nove giorni il presidente golpista Roberto Micheletti ha detto di essere pronto a rinunciare all'incarico se le elezioni presidenziali previste per novembre saranno garantite e la crisi politica verrà risolta

Ancora non è chiaro se la revoca dello stato d'emergenza è effettiva o se per ora è ancora solo una promessa sulla carta del presidente golpista Roberto Micheletti. Il provvedimento era stato proclamato il 27 settembre in risposta al ritorno nel Paese del capo di Stato deposto Manuel Zelaya. Esercito nelle strade, cortei proibiti, decine gli arresti tra i sostenitori del presidente deposto e libertà di stampa ristretta. Zelaya che si è rifugiato nell'ambasciata brasiliana di Tegucigalpa chiede una mediazione. A condizione, però, che venga effettivamente revocato il provvedimento restrittivo.

Leggi tutto
Prossimo articolo