Polanski, un genio in carcere. Francia e Polonia: libero

1' di lettura

I governi di Parigi e Varsavia, indignati per l'arresto, alzano la voce e chiedono la liberazione. Il regista, in esilio in Europa da 30 anni, si trova in detenzione provvisoria in Svizzera, in attesa d'estradizione su mandato d'arresto degli Stati Uniti

Secondo giorno in carcere per il regista Roman Polanski, arrestato sabato sera al confine con la Svizzera per violenza sessuale. Il mandato di cattura era stato emesso nel lontano 1978, quando Polanski aveva lasciato gli Stati Uniti durante un processo che lo vedeva imputato per aver avuto una relazione con una ragazzina di 13 anni. Dopo aver ammesso la propria colpevolezza il regista aveva lasciato l'America prima del pronunciamento della sentenza. Francia e Polonia hanno chiesto la sua liberazione. La richiesta di liberazione è sostenuta anche da numerosi cineasti polacchi.

Leggi tutto
Prossimo articolo