Afghanistan, Napolitano: determinati a mantere l'impegno

1' di lettura

Da Tokyo, dove ha incontrato il premier giapponese, il Capo dello Stato da confermato la volontà dell'Italia di proseguire la missione "con compiti di lotta al terrorismo al fine di pacificazione e stabilizzazione dell'area"

GUARDA LE FOTO

L'Italia è determinata a restare in Afghanistan. Lo ha detto il presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, dopo aver incontrato a Tokyo il premier giapponese Hatoyama. Il Capo dello Stato ha affermato la "riconferma della determinazione italiana a tener fede all'impegno preso come impegno della comunità internazionale su mandato dell'Onu, con compiti di lotta al terrorismo al fine di pacificazione e stabilizzazione di quell'area così critica". Napolitano ha poi escluso divisioni politiche: "Come presidente del Consiglio Supremo di Difesa posso affermare esserci un impegno condiviso, confermato e pienamente coerente delle istituzioni italiane. Ancora una volta ho constatato l'accordo tra i membri del governo che fanno parte del Consiglio Supremo di Difesa sulla necessità di caratterizzare il nostro contributo in Afghanistan tanto sul piano militare quanto sul piano civile".


Leggi anche:

Attentato a Kabul, strage di italiani

I nomi, i volti, le storie dei sei militari morti
La ricostruzione dell'attaco
Lunedì funerali solenni e lutto nazionale

Afghanistan. La Russa: uscire a desso sarebbe una debolezza

Napolitano: la missione non cambia
Bossi: a Natale a casa tutti


Afghanistan, dal 2004 a oggi morti 21 italiani
L'attentato è il più grave dopo la strage di Nassiriya
Kabul, l'addio della rete agli "angeli armati"



Leggi tutto