Attentato a Kabul, Valente morto alla sua ultima missione

1' di lettura

Sarebbe rientrato in Italia, dove sognava di ricongiungersi alla sua famiglia, a novembre. Roberto Valente lascia un bimbo di due anni e la moglie

Roberto Valente era nato il 13 maggio del 1972, ed era in servizio nell'Esercito italiano dal 14 ottobre del 1993. Aveva partecipato a numerose missioni all'estero, che l'avevano portato in ex Jugoslavia, Albania e Iraq. Era un sergente maggiore paracadutista del 187esimo Reggimento della Folgore, in missione in Afghanistan dal 22 maggio scorso. Valente aveva ottenuto quattro elogi tra il 2000 ed il 2007, e la croce d'argento per l'anzianità di servizio militare. Sarebbe rientrato in Italia dove sognava di ricongiungersi alla sua famiglia a novembre.

Leggi anche:
Kabul, l'addio della rete agli "angeli armati"

Attentato a Kabul, strage di italiani
Kabul, attentato contro italiani. La Russa, vigliacchi, non ci fermerete
Afghanistan, il cordoglio di  Napolitano
Nato: una tragedia ma certi che l'Italia resterà
Afghanistan, erano di stanza a Siena i 6 parà morti
Afghanistan, dal 2004 a oggi morti 21 italiani
L'attentato è il più grave dopo la strage di Nassiryia


LE FOTO DELL'ATTENTATO- LE FOTO DELLE VITTIME

Leggi tutto