Kabul, bandiere a mezz'asta alla caserma Bandini di Siena

1' di lettura

Erano del 186esimo reggimento paracadutisti Folgore quattro dei sei militari italiani morti in Afghanistan. Il comandante della base: "Non ci sono parole per descrivere le sensazioni che proviamo, siamo tutti pieni di sgomento"

Facce scure, un silenzio sofferto. E' il giorno del dolore alla caserma Bandini di Siena, la base del 186esimo reggimento paracadutisti della Folgore. Erano di stanza qui quattro delle sei vittime dell'attentato di Kabul: il tenente Antonio Fortunato e i caporalmaggiore Matteo Mureddu, Davide Ricchiuto e Gian Domenico Pistonami. La bandiera è a mezz'asta, il resto è dolore. "In questi momenti non ci sono le parole per descrivere le sensazioni che proviamo - dice il comandante del reggimento, il colonnello Milani - in caserma c'è un'aria pesante, siamo tutti pieni di sgomento".


Leggi anche:
Kabul, l'addio della rete agli "angeli armati"

Attentato a Kabul, strage di italiani
Kabul, attentato contro italiani. La Russa, vigliacchi, non ci fermerete
Afghanistan, il cordoglio di  Napolitano
Nato: una tragedia ma certi che l'Italia resterà
Afghanistan, erano di stanza a Siena i 6 parà morti
Afghanistan, dal 2004 a oggi morti 21 italiani
L'attentato è il più grave dopo la strage di Nassiryia


LE FOTO DELL'ATTENTATO- LE FOTO DELLE VITTIME

Leggi tutto