Barack Obama a Wall Street: la storia non deve ripetersi

1' di lettura

L'atteso discorso del presidente Usa nel primo anniversario dal crac finanziario Lehman Brothers: "E' necessario chiudere i buchi creati dalla crisi"

Un anno fa sembrava che il mondo della finanza stesse assistendo alla sua fine quando Lehman Brothers dichiarò il fallimento il 15 settembre dimostrando l'inutilità delle misure adottate dalle autorità per evitare il collasso della finanza.

"Non possiamo permettere alla storia di ripetersi" e non "torneremo ai giorni delle azioni sconsiderate e degli eccessi incontrollati alla base della crisi, dove troppi erano motivati solo dall'appetito per i bonus. Wall Street non può tornare ad assumersi rischi senza pensare alle conseguenze e attendersi che la prossima volta i contribuenti americani saranno lì a frenare la loro caduta. E' per questo che abbiamo bisogno di regole più forti". Lo ha detto il presidente americano Barack Obama intervenendo alla Federal Hall di New York, sottolineando che la riforma della finanza presentata all'amministrazione Obama è la più ampia dalla Grande Depressione. E la prova - aggiunge Obama - della necessità di cambi delle regole ora è data dal fatto che alcuni "prontamente sono ritornati" alle vecchie pratiche.

"Un anno fa abbiamo sperimentato come il mercato può sbagliare, come la mancanza di regole di buon senso possa portare eccessi e abusi - ha detto - A un anno di distanza è essenziale approvare le riforme che impediranno a una crisi come quella attuale di ripetersi".

A 12 mesi di distanza il presidente Usa Barack Obama a New York sprona Wall Street a ritrovare il senso di responsabilità e la esorta a sostenere la crescita economica, soprattutto dopo che molte banche si sono riprese dalla crisi grazie all'aiuto del governo.

Intervenendo alla Federal Halle di New York, Obama ha precisato che "molte delle aziende che stanno tornando a essere redditizie hanno un debito nei confronti degli americani": da qui l'invito alle banche ad aiutare maggiormente le famiglie che chiedono una modifica dei mutui nell'ambito del piano varato dall'amministrazione. Per aiutare le piccole imprese che hanno "disperatamente bisogno di finanziamenti".


Leggi tutto