Influenza A, la paura fa più vittime del virus

1' di lettura

Gli esperti invitano a non creare allarmismi e fanno sapere che il vaccino per contrastare il virus sarà disponibile a partire dal 15 novembre. Intanto sono in lieve miglioramento le condizioni del giovane ricoverato a Monza

La paura contagia più del virus, ma come il virus è senza frontiere. Agli studenti di New York è stato suggerito di evitare slanci troppo calorosi verso i propri compagni il primo giorno di scuola. Meglio salutarsi da lontano. In Argentina gli scaffali delle farmacie sono stati saccheggiati di mascherine e disinfettanti. E sui set cinematografici c'è chi ha chiesto di rinunciare ad effusioni pericolose per evitare baci patogeni. Ma è fondata questa paura globale? No, a sentire gli esperti. In Italia intanto le scuole riapriranno regolarmente e il paziente grave ricoverato a Monza migliora.

Influenza A, pediatri: "Valutare chiusura scuole"
Influenza A, in Italia vaccini gratuiti a novembre
Influenza A, antivirali tra business e bugie
Influenza A, il vaccino sarà davvero efficace?

Leggi tutto