Il Giappone cambia: vincono i democratici. Aso si dimette

1' di lettura

Dopo 54 anni al potere i Liberaldemocratici sono stati pesantemente sconfitti nelle elezioni legislative. Hatoyama, leader del partito di centrosinistra: "Voto per il cambiamento". A pesare sul tracollo del Jiminto la crisi economica e l'occupazione

I democratici giapponesi (Minshuto) spediscono i liberaldemocratici (Jiminto) all'opposizione dopo 54 anni di potere quasi ininterrotto. E' quanto indicano gli exit poll della tv pubblica incoronando come uomo della svolta Yukio Hatoyama, ex membro del Jiminto, figlio dell'establishment nipponico che fondò il Partito democratico proprio per scalzare i suoi ex colleghi. L'attuale premier Taro Aso si dimette: "E' colpa mia".Il risultato, ampiamente previsto dai sondaggi delle scorse settimane, rende per la prima volta il Jiminto partito di minoranza: la continuità al Governo era già stata interrotta nel 1993-94 per 11 mesi da una coalizione coagulatasi attorno a Morihiro Hosokawa, ma i liberaldemocratici erano comunque usciti dalle urne come il partito di maggioranza relativa. A pesare sul tracollo dei liberaldemocratici la crisi economica e l'occupazione ai minimi storici.

Leggi anche:

Romano Prodi sulle elezioni in Giappone

Leggi tutto
Prossimo articolo