Germania, prende in ostaggio e spara ai familiari

1' di lettura

Almeno un morto e diversi feriti sono il bilancio provvisorio di una sparatoria con presa di ostaggi nella località tedesca di Schwalmtal, al confine con l'Olanda

E' stato arrestato e condotto via dall'appartamento con le mani alzate l'uomo che ha sparato in una abitazione di Schwalmtal, nello stato occidentale tedesco del Nord Reno-Westfalia. La polizia, secondo quanto riferito da testimoni oculari, ha dato l'assalto alla casa in cui l'assassiono si era barricato con diversi ostaggi, mettendo fino alla strage. Secondo le prime informazioni tra i motivi della tragedia ci sarebbero uno sfratto o una lite coniugale. Secondo il quotidiano "Rheinische Post" la coppia, che era già separata, si sarebbe incontrata nella villetta per valutare l'immobile insieme ai rispettivi avvocati e a due agenti immobiliari. Durante la discussione la situazione è degenerata e l'uomo, perdendo il controllo, avrebbe cominciato a sparare. Sono stati rinvenuti un cadavere e una persona gravemente ferita. Nella casa c'era anche un bambino di 12 anni. Una radio locale ha riferito che altre persone, non appartamenti alla famiglia, sarebbero state ferite a colpi d'arma da fuoco.

Leggi tutto
Prossimo articolo