Orrore in Pakistan, 7 cristiani bruciati vivi dai musulmani

1' di lettura

La tensione fra le due comunità è sfociata in una sparatoria. Poi le scene drammatiche. Decine di feriti. La causa: voci secondo cui sarebbe stato profanato un Corano, ma le autorità locali smentiscono

Un massacro, dietro il cieco fervore religioso. I cristiani accusati di aver profanato il Corano durante una cerimonia nuziale hanno organizzato una manifestazione nelle aree musulmane. Di risposta sette persone sono state bruciate vive. Non sono stati risparmiati i bambini, nemmeno le donne. La strage ha la firma del gruppo Sipah-e-Sahaba, ritenuto fuorilegge dal governo pakistano. E' scoppiato il caos: colpi di pistola e sassi lanciati contro i passanti. Decine di feriti ricoverati nell'ospedale di Gojra.

Leggi tutto
Prossimo articolo