Le Fillippine piangono la pasionaria, è morta Corazon Aquino

1' di lettura

Si è spenta ieri sera all'età di 76 anni. Era stata alla guida del Paese dal 1986 al 1992 e la sua lotta politica aveva portato alla caduta della dittatura di Marcos

E' stata la prima presidente donna del continente asiatico, la sola a riportare la democrazia nel suo Paese. Maria Corazon Sumulong Aquino, conosciuta da tutti come Cory, è morta ieri in ospedale a Manila. Aveva 76 anni ma era malata da tempo. Solo qualche giorno fa Benedetto XVI le aveva espresso la sua "spirituale vicinanza". Dal matrimonio nel '55 con Benigno Aquino, promettente uomo politico, imprigionato sotto il regime del dittatore Marcos, all'esilio negli stati uniti nell'80 il passo è breve. Tre anni dopo l'assassino del marito fa il suo ingresso in politica. Cory "accentra" tutte le opposizioni al regime e quando Marcos a sorpresa nell'86 indice elezioni democraticamente aperte, si candida come massima carica dello Stato. Il risultato ufficiale riconferma il presidente uscente, ma i brogli sono evidenti, e le forze armate respingono la vittoria del dittatore che il giorno dopo lascia il Paese e muore in esilio nell''89 alle isole Hawaii. Cory rimane alla guida delle Filippine fino al 1992.

Leggi tutto