Afghanistan, italiani nel mirino. La Russa: no a ritiro

1' di lettura

Dopo i due attacchi a Herat e Farah, in cui sono rimasti feriti in modo non grave tre soldati italiani, il ministro della Difesa esclude l'ipotesi di anticipare la fine della missione: ce ne andremo solo a obiettivo centrato

Niente ritiro anticipato dall'Afghanistan. Il ministro della Difesa, Ignazio Umberto, dice no a Umberto Bossi che aveva proppsto il ritiro del contingente italiano dopo il doppio attacco a Herat e Farah in cui tre soldati sono rimasti feriti in modo non grave. "Bossi ha parlato da papà - ha detto La Russa a SKYTG24 - ma noi siamo ministri. L'Afghanistan sarà lasciato solo quando sarà in grado di gestire autonomamente il territorio". No al ritiro anche da Pdl e Lega mentre il ministro degli Esteri Frattini promette: presto i tornado per coprire i soldati.

Leggi anche:
Afghanistan, dal 2004 a oggi morti 14 militari italiani
Afghanistan, il parà Alessandro Di Lisio ucciso in un agguato
Parà ucciso, il parroco racconta il dolore della madre

Parà ucciso in Afghanistan, il ricordo di un collega
Su Facebook l'ultimo saluto ad Alessandro Di Lisio

Leggi tutto
Prossimo articolo