Afghanistan, Bossi: tutti a casa. La Russa: restiamo

1' di lettura

Dopo l'ennesimo attacco terroristico contro i militari italiani a Herat e nell'area di Farah, il leader leghista si dice favorevole al rimpatrio del nostro contingente, ma dal resto della maggioranza arriva un coro di no

E' una missione densa di rischi e pericoli ma irrinunciabile: il governo fa quadrato sulla necessità della presenza italiana in Afghanistan e si dice pronta a garantire più sicurezza ai militari italiani impegnati, anche con l'uso di Tornado. Alla posizione fuori dal gruppo del ministro per le Riforme Umberto Bossi, che si era detto pronto a riportare tutti a casa i soldati italiani, la maggioranza risponde con un coro di no, a partire dal titolare della Difesa.

Afghanistan, dal 2004 a oggi morti 14 militari italiani
Afghanistan, il parà Alessandro Di Lisio ucciso in un agguato
Parà ucciso, il parroco racconta il dolore della madre

Parà ucciso in Afghanistan, il ricordo di un collega
Su Facebook l'ultimo saluto ad Alessandro Di Lisio

Leggi tutto
Prossimo articolo