Afghanistan, rientra in Italia la salma del parà ucciso

1' di lettura

I funerali del caporalmaggiore Alessandro Di Lisio si terranno venerdì a Campobasso. Rientrati in Italia anche i tre militari italiani feriti in Afghanistan nell'esplosione di un ordigno.

La famiglia di Alessandro Di Lisio, parà ucciso in Afghanistan si prepara a salutare il caporalmaggiore di 25 anni, alla sua prima missione. Venerdì i funerali nella sua città, Campobasso. "Mancano soltanto tre mesi di guerra" scriveva nel suo profilo su Facebook il 25 giugno scorso, invece è diventato il quattordicesimo militare italiano morto in Afghanistan dall'inizio della missione nel 2004. La dinamica della tragedia è chiara: l'unità italiana era impegnata nella bonifica di un tratto di strada nella provincia di Farah quando un ordigno rudimentale, confezionato dai talebani è esploso.


Leggi tutto