Guardian: Italia fuori dal G8. Frattini: una buffonata

Roma, azione dimostrativa contro il G8. I manifestanti esibiscono dei gonfiabili contro i leader più potenti della Terra
1' di lettura

"I piani del summit sono nel caos, intervenuti gli americani" scrive il quotidiano britannico, citando affermazioni di alti funzionari occidentali. Il ministro replica: "Spero che il Guardian esca dai grandi giornali del mondo"

L'Italia fuori dal G8, dentro la Spagna. E' quanto ipotizza oggi il quotidiano britannico The Guardian. In un articolo intitolato "All'interno del G8 crescono le voci di un'espulsione dell'Italia, perché i piani del summit sono caduti nel caos", il giornale prevede un futuro vertice senza l'Italia, "sostituita dalla Spagna che ha un piu' alto reddito pro capite" e riporta alcune affermazioni di alti funzionari occidentali, secondo i quali "il G8 e' un club, con la sua quota partecipativa da pagare. L'Italia non lo sta facendo".

Secondo la fonte citata "gli italiani - nell'organizzazione del summit - sono stati terribili. Non ci sono ne' metodi, ne' programmi". Il giornale scrive che, negli ultimi giorni, in assenza di iniziative concrete in agenda, gli Usa hanno preso il controllo della situazione, organizzando una "teleconferenza tra gli sherpa, in un ultimo disperato tentativo di inserire degli obiettivi nel summit".

Un analista della New York University, Richard Gowan, citato dal giornale, critica duramente la presidenza di Silvio Berlusconi: "Gli italiani non hanno idee e hanno deciso che la cosa migliore e' propagandare un' agenda molto sintetica per nascondere il fatto che non hanno realmente un'agenda".

Immediata la replica del ministro degli Esteri Franco Frattini. "Spero che esca il Guardian dai grandi giornali del mondo". Cosi' il ministro, in visita a Bucarest, ha risposto a chi gli chiede un commento sull'articolo del quotidiano britannico. "E' una buffonata, e' una sciocchezza" ha aggiunto Frattini quando gli e' stato chiesto a proposito di quanto afferma il giornale, secondo il quale "nelle ultime settimane, in assenza di iniziative di sostanza sull'agenda, gli Stati Uniti hanno assunto il controllo", organizzando 'sherpa calls' (conference calls tra alti funzionari) "in un ultimo tentativo di imprimere decisionalita' all'incontro". A questo proposito fonti della Farnesina sottolineano che vi e' da parte del Guardian "un evidente fraintendimento" con la conference call per preparare il G20 di Pittsburgh a settembre.

Leggi tutto