Il Papa al G8: aumentare aiuti ai poveri

1' di lettura

Lettera del Pontefice a Berlusconi: "La crisi si supera con misure etiche, lavoro per tutti. Condonare il debito estero dei meno fortunati. Per l'Aquila ci sia mobilitazione"

Create posti di lavoro per tutti e riformate l'architettura finanziara del mondo affinché la ricchezza giunga anche ai Paesi poveri". Il Papa scrive a Berlusconi, presidente di turno del G8, e detta "un'agenda della speranza". "I provvedimenti volti a condurre il mondo fuori dalla crisi economica saranno efficaci solo se avranno anche una valenza etica". Nella lunga missiva spedita alla vigilia dell'assise dell'Aquila, Benedetto XVI non dimentica un appello ad ascoltare "la voce dell'Africa e dei Paesi meno sviluppati". "Cancellate il debito estero dei Paesi poveri", suggerisce Ratzinger.

Leggi tutto
Prossimo articolo