Isole Comore, si schianta aereo partito dallo Yemen

L'aeroporto di Sana'a, Yemen, da cui è decollato l'Airbus A310 precipitato a largo delle isole Comore
1' di lettura

Un Airbus A310 della compagnia aerea Yemenia Air con 153 persone a bordo e' precipitato nella notte nell'Oceano Indiano. Trovato un bambino sopravvissuto e recuperati i cadaveri di alcuni passeggeri. Secondo la Farnesina nessun italiano era a bordo.

Un Airbus A310 della compagnia aerea Yemenia Air con 153 persone a bordo e' precipitato nella notte al largo delle coste delle isole Comore. L'aereo doveva atterrare a Moroni, capitale dell'arcipelago nell'Oceano Indiano, ma intorno all'una di notte (ora italiana) e' scomparso dai radar. Il volo era partito dall'aeroporto parigino Charles de Gaulle ed aveva fatto scalo a Marsiglia e poi nella capitale yemenita, Sanaa.

A Sanaa, i passeggeri dell'A330-220 avevano cambiato apparecchio ed erano saliti sull'Airbus 310 e ripartiti alla volta di Moroni, via Djibouti. Situate al largo delle coste sud-orientali africane (a nord del Madagascar, di fronte alle coste del Mozambico), le isole che formano l'arcipelago delle Comore -con le spiagge bianche ed i paesaggi mozzafiato- sono una tradizionale meta turistica.

A bordo del jet c'erano undici persone di equipaggio e 142 passeggeri (tra cui tre bambini), in gran parte francesi o originari delle isole nell'Oceano Indiano. L'aereo e' precipitato mentre aveva gia' cominciato le fasi di atterraggio, mentre nella zona dove imperversava il maltempo.
Secondo le  prime verifiche della Farnesina non ci sarebbero stati passeggeri italiani a bordo dell'Airbus

Nell'area del sinistro sono giunti due aerei militari e un mezzo navale, tutti francesi, e partiti dalle isole di Reunion e Mayotte, Territori francesi d'Oltremare, alla ricerca di eventuali sopravvissuti. Alle operazioni di soccorso partecipa anche la fregata della Marina  militare italiana Maestrale. La nave italiana, che partecipa alla missione dell'Unione  europea Atalanta contro la pirateria, e' stata dirottata dal  comandante della forza Eunavfor nel tratto di mare dove si e'  inabissato l'aereo.

Per ora gli aerei di soccorso hanno individuato in mare i resti dell'aereomobile mentre i responsabili dell'aviazione Yemenita hanno reso noto di aver recuperato i cadaveri di tre
passeggeri dell'Airbus A310 e un sopravvissuto. Secondo le fonti ospedaliere locali dovrebbe trattarsi di un bambino.

Mohammad al-Sumairi, che e' tra coloro a cui e' stato affidato il compito di coordinare le operazioni per conto della Yemenia. "Le condizioni del tempo erano terribili, vento forte e mare molto mosso. La velocita' del vento registrata in aeroporto era di 61 chilometri all'ora, ma ci potrebbero essere altre cause"

Ma il segretario di Stato francese ai trasporti, Dominique Bussereau, sulla tv I-telè, parlando del
incidente dell'A310 ha dichiarato: "La compagnia aerea Yemenia era molto controllata dalle autorita' francesi. Quell' A310 era stato controllato nel 2007 dalla Direzione  generale dell' aviazione civile in Francia ed erano stati  rilevati un certo numero di difetti e da allora l'apparecchio non e' piu' riapparso  nel nostro paese"


Il commissario ai Trasporti  dell'Unione europea Antonio Tajani, commentando il disastro  aereo ha dichiarato che  proporra' una "lista nera mondiale" delle compagnie che non  offrono garanzie di sicurezza e ha aggiunto che l'aereo della compagnia Yemenita non era nella lista nera dell'Unione Europea.

Il Il ministro dei Trasporti yemenita ha detto che l'aereo della Yemenia precipitato oggi era
stato "sottoposto ad una ispezione completa" a maggio sotto la supervisione di Airbus.

Leggi tutto
Prossimo articolo