Teheran, spari sulla folla di manifestanti

1' di lettura

Almeno una vittima tra le centinaia di migliaia di sostenitori del moderato Mousavi in piazza a Teheran malgrado il divieto di manifestare deciso dal governo.

Alcuni spari sono stati uditi sulla piazza Azadi, dove è in corso un immenso raduno dei sostenitori di Mir Hossein Mousavi.
Secondo le prime informazioni sarebbe almeno un morto. Una una milizia filo-governativa avrebbe infatti aperto il fuoco contro i sostenitori del moderato Mir Hossein Mousavi, scesi in strada per protestare contro la rielezione dell'ultraconservatore Mahmud Ahmadinejad, uccidendo almeno una persona.

Sono centinaia di migliaia i sostenitori del candidato moderato Mir Hossein Mousavi scesi oggi in strada a Teheran per contestare le rielezione del presidente ultraconservatore Mahmud Ahmadinejad. Intanto la Guida suprema iraniana, l'ayatollah Ali Khamenei, ha ordinato al potente Consiglio dei guardiani della rivoluzione di aprire una inchiesta su eventuali brogli e irregolarità contestati dal candidato riformista Mir Hossein Mousavi alle elezioni presidenziali del 12 giugno.

Alla manifestazione di protesta, vietata dalle autorità, è presente anche Mousavi. "Siamo pronti a partecipare a una nuova elezione presidenziale", ha detto il candidato moderato parlando dal tetto di un'automobile.
Centinaia di migliaia di persone hanno invaso avenue Azadi, una delle principali arterie della capitale, per protestare contro la rielezione di Ahmadinejad, che ha vinto le presidenziali di venerdì con il 63 per cento dei voti, stando ai risultati ufficiali diffusi dal ministero dell'Interno ma contestati dai sostenitori di Mousavi.

I manifestanti sfilano in modo compatto lungo la via, luogo dove tradizionalmente si svolgono le manifestazioni di commemorazione della Rivoluzione islamica del 1979. Secondo gli agenti di polizia sul posto, ci sono "almeno un milione e mezzo di persone". La gente urla slogan come "morte al dittatore" e "Se-shanbé, Se-Shanbé, etessab, etessab" (martedì, martedì, sciopero, sciopero).

Leggi tutto
Prossimo articolo