Netanyahu apre ai palestinesi. Hamas: discorso razzista

1' di lettura

Il premier israeliano pone una serie di condizioni su Gerusalemme e sui profughi. L'Autorità Nazionale di Abu Mazen: "Un siluro alla pace". Soddisfazione a Washington: "Passi avanti verso la ripresa dei negoziati di pace"

Nascita di uno Stato palestinese ma "smilitarizzato", riconoscimento di Israele come Stato ebraico da parte dei paesi arabi, Gerusalemme capitale unica e indivisibile di Israele. Il primo ministro israeliano, Benjamin Netanyahu, chiarisce la sua posizione. Per la prima volta parla della prospettiva di uno Stato palestinese e accoglie in parte le richieste internazionali; ma pone le sue condizioni, giudicate inaccettabili dall'Autorità Nazionale palestinese. Apprezzamento per Nethanyahu è arrivato dalla Casa Bianca, che parla di un importante passo avanti verso la ripresa dei negoziati di pace.

Leggi tutto
Prossimo articolo