Processo Aung San Suu Kyi ancora a porte chiuse

1' di lettura

L'"apertura" del governo è durata un solo giorno. Il tribunale speciale ha ripreso il suo lavoro contro la leader dell'opposizione. Porte di nuovo sbarrate per giornalisti e diplomatici

E' durata poco la trasparenza nel processo ad Aung San Suu Kyi. Il tribunale speciale birmano ha ripreso il processo alla leader del movimento democratico dietro le mura della prigione di massima sicurezza di Insein: porte sbarrate ai diplomatici e ai giornalisti ai quali mercoledì era stata inesattamente concesso di partecipare alla terza udienza.

Leggi tutto
Prossimo articolo