Bimba uccisa a Herat, La Russa non esclude l'errore

1' di lettura

In un'informativa alla Camera, il ministro della Difesa è tornato sull'incidente che ha coinvolto i militari italiani in Afghanistan sottolieando però la necessità di "rimandare necessariamente ogni giudizio all'esito dell'inchiesta"

Prudenza nei giudizi, rimandati "all'esito dell'inchiesta per accertare come si sono svolti i fatti", ma per il ministro della Difesa, Ignazio La Russa, i militari italiani in Afghanistan potrebbero aver commesso un errore nell'incidente costato la vita domenica a una ragazza di 13 anni, rimasta uccisa sotto il fuoco di una pattuglia italiana a Herat. "Le regole di ingaggio - ha detto La Russa - sono molto precise, puntuali, dettagliate, ma rimangono margini di possibile errore come potrebbe essere accaduto in questo caso, che purtroppo e' costato la vita ad una ragazza".

Leggi tutto
Prossimo articolo