Somalia, gli ostaggi: "Stiamo bene fate presto"

1' di lettura

Alcuni marinai dell'equipaggio del Buccaneer, 16 persone, tra cui 10 italiani, hanno chiamato casa e chiesto velocizzare la loro liberazione. "Stiamo bene, ma soffriamo"

Nuova telefonata da bordo del Buccaneer, il rimorchiatore italiano da tre settimane nelle mani dei pirati in Somalia. Alcuni marinai dell'equipaggio, 16 persone, tra cui 10 italiani, hanno chiamato casa. E chiesto di "fare presto" per la loro liberazione. "Stanno bene, ma stanno soffrendo", ha fatto sapere Pasquale Vollaro, padre di Giovanni, giovane marittimo di Torre del Greco, riferendo che la voce del figlio era "terrorizzata".

Leggi tutto