Belgio, nessun "sequestro": liberi i dirigenti Fiat

1' di lettura

In tre sono stati trattenuti alcune ore in un autosalone di Bruxelles dai dipendenti che protestavano contro 24 licenziamenti. I lavoratori: "Non li abbiamo mai sequestrati, erano dentro per loro scelta"

Tre dirigenti di un autosalone della Fiat, due belgi e un italiano, sono stati trattenuti per alcune ore in sede a Bruxelles nell'ambito di una protesta dei dipendenti contro un piano di ristrutturazione che prevede la soppressione di 24 posti di lavoro su 90. I tre hanno lasciato la sede alle 18.30, tutti e tre insieme in un'auto con autista, senza rilasciare dichiarazioni. I lavoratori hanno invece smentito di averli trattenuti contro la loro volontà: "Non li abbiamo mai sequestrati -hanno precisato - erano dentro per loro scelta e infatti sono andati via. Ma la trattativa resta rotta".

Leggi tutto