Austria, Fritzl ammette: sono colpevole di omicidio

1' di lettura

Il padre-mostro, che per 24 anni ha segregato e violentato la figlia, ha riconosciuto, a sorpresa, tutti i capi d'accusa, compresa la morte di uno dei bambini nati dalla violenza. Il piccolo morì per mancanza di cure mediche

"Mi dichiaro colpevole di tutti i capi d'accusa". A sorpresa, in apertura della terza giornata del processo a Sankt Poelten, Josef Fritzl si è riconosciuto colpevole di tutti i capi di imputazione, incluso omicidio colposo e riduzione in schiavitù. Già in precedenza aveva ammesso i reati di stupro, incesto e segregazione ai danni di sua figlia Elisabeth, ora 43enne. Il padre-mostro aveva però negato la colpevolezza per la morte del neonato avuto dalla figlia nel 1996, che secondo l'accusa fu causata dalla mancanza di cure mediche. Domani attesa la sentenza.

Leggi tutto
Prossimo articolo