Pakistan, "Lunga marcia" verso la riconciliazione

1' di lettura

Un attentato compiuto probabilmente da un kamikaze ha ucciso una decina di persone e ferito 20 a Rawalpindi. L'attacco dopo le proteste di piazza che hanno portato al reinsediamento il capo della Corte suprema e i giudici rimossi nel 2007

Una decina di morti, venti feriti di cui alcuni in condizioni critiche. L'attacco nella città di Rawalpindi. Un attentato che arriva a poche ore dall'annuncio del premier Yousuf Raza Gilani. Tutti i giudici destituiti nel 2007 dall'allora presidente Pervez Musharraf, sono stati reintegrati nelle loro funzioni. Gilani ha inoltre promesso una riconciliazione nazionale con l'opposizione guidata dall'ex primo ministro, Nawaz Sharif. La notizia si è diffusa nella notte, nel momento in cui tutti si preparavano alla giornata conclusiva della Lunga marcia.

Leggi tutto