Austria, il padre-mostro: ho stuprato ma non ho ucciso

1' di lettura

Joseph Fritzl ha ammesso di aver violentato per 24 anni la figlia Elisabeth ma ha negato di essere responsabile della morte di uno dei bambini nati dal rapporto incestuoso

E' arrivato in aula nascondendo il volto dietro una cartellina blu Joseph Fritzl, il padre-mostro di Amstetten, l'uomo che per 24 anni ha tenuto segregata la figlia Elisabeth, l'ha violentata e l'ha messa incinta di 7 figli-nipoti, uno dei quali morto subito dopo la nascita. Davanti ai giudici di St. Poelten, Fritzl si è dichiarato "colpevole o parzialmente colpevole" dell'accusa di stupro continuato, incesto e sequestro mentre ha respinto sia l'accusa di aver tenuto in stato di schiavitù la figlia, sia l'accusa di omicidio relativa alla morte di uno dei suoi figli-nipoti.

Leggi tutto