Darfur, Vicenza aspetta il suo medico

1' di lettura

"Non vediamo l'ora di abbracciarlo". Così i familiari di Mauro D'Ascanio, sequestrato insieme ad altri tre colleghi di Medici Senza Frontiere. "Grazie a tutti quelli che ci hanno aiutato", queste le prime parole dopo la liberazione

"Grazie a tutti quelli che ci hanno aiutato". Queste le prime parole dopo la liberazione di Mauro D'Ascanio, il medico italiano sequestrato insieme ad altri tre colleghi di Medici Senza Frontiere nel nord del Darfur. L'incubo per i quattro cooperanti è finito. Non è stato pagato nessun riscatto ha detto il ministro degli Esteri Franco Frattini.

Leggi tutto
Prossimo articolo