Gaffe di Berlusconi. A Sarkozy: "Io ti ho dato la tua donna"

1' di lettura

Canal + ha ricostruito la battuta che il premier avrebbe fatto al presidente francese durante la conferenza stampa dello scorso martedì. E due deputate del Pd denunciano il premier alla Corte Europea: disprezza vita e dignità delle donne

“Io ti ho dato la tua donna”. E’ questa la battuta che, secondo i media francesi, il premier Silvio Berlusconi avrebbe sussurrato al presidente francese Nicolas Sarkozy in conferenza stampa a Villa Madama lo scorso martedì, durante il vertice italo-francese. "Io e Silvio Berlusconi - afferma Sarkozy - abbiamo fatto riconoscere l'omologazione dei diplomi superiori che finora non c'era...". In quel momento il nostro presidente del Consiglio si avvicina e pronuncia a bassa voce una frase, che immediatamente l’inquilino dell’Eliseo liquida con un sorriso imbarazzato, tagliando corto: "Non sono sicuro di dover ripetere". Da lì si è subito scatenata la curiosità dei francesi. Ed ecco che mercoledì sera la trasmissione serale di Canal +, Le Grand Journal, ha tradotto il labiale di Berlusconi, ricostruendo le esatte parole. "Moi je t'ai donné la tua donna": questa la battuta che avrebbe detto il Cavaliere mischiando le due lingue.
L'allusione all'italianità di Carla Bruni come fosse un bene da esportazione non è evidentemente piaciuta a Sarkozy. E neppure ai presentatori francesi che hanno costruito sulla gaffe una serie di ironie, ricordando anche l’appellativo “abbronzato” che Berlusconi aveva rivolto lo scorso novembre a Barack Obama, e hanno deciso di assegnare al Cavaliere "l'Oscar della volgarità".

GUARDA IL VIDEO




Intanto due deputate del Pd annunciano di voler denunciare alla Corte Europea il premier Berlusconi.
Denunciamo Silvio Berlusconi, in qualità di presidente del Consiglio dei ministri italiano, alla Corte Europea di Strasburgo per violazione degli articoli 8 e 14 della Convenzione europea dei diritti dell'uomo a causa delle continue e ripetute dichiarazioni di disprezzo sulla vita e la dignità delle donne". Questa la spiegazione di Anna Paola Concia, deputata del Pd, e Donata Gottardi, parlamentare europea del Pd-Pse.

"In Italia- spiegano- a causa del Lodo Alfano, non è possibile denunciare il presidente del Consiglio alla magistratura".
Le due parlamentari ricordano poi le ultime dichiarazioni del premier. "14 marzo 2008, campagna elettorale: Berlusconi consiglia ad una giovane precaria di sposare un miliardario per risolvere i suoi problemi economici".
Poi: "25 gennaio 2009, comizio elettorale a Sassari: Berlusconi teorizza che 'per evitare gli stupri servirebbe un militare per ogni bella donna'".
Proseguono Concia e Gottardi: "6 febbraio 2009, l'inquietante dichiarazione su Eluana Englaro".
L'elenco si conclude con la battuta di Berlusconi a Sarkozy del 26 febbraio 2009.

Leggi tutto