Israele: "Se necessario torneremo ad attaccare"

1' di lettura

Lo ha detto il ministro degli Esteri israeliano Tzipi Livni precisando che non ci sarà vera pace finchè non verrà fermato il contrabbando di armi al confine tra Egitto e Gaza

Il ministro degli Esteri israeliano Tzipi Livni lo ha messo in chiaro nella riunione con gli omologhi europei: non ci sarà vera pace finchè non verrà fermato il contrabbando di armi al confine tra Egitto e Gaza e finchè non verrà liberato il soldato Schalit, rapito da Hamas due anni e mezzo fa. Israele "se necessario, si riserva il diritto di agire e tornare ad attaccare", ha detto la Livni aggiungendo: "Non affideremo la nostra sicurezza né all'Egitto, né agli Stati Uniti, né all'Europa".

Leggi tutto
Prossimo articolo