Gaza, si combatte ancora ma crescono le speranze di tregua

1' di lettura

Missili di Israele colpiscono una sede dell'Onu, un ospedale e il palazzo dei media, uccisi due ministri di Hamas. Tel Aviv riflette sulla proposta di cessate il fuoco, Ban Ki-moon si dice fiducioso

Non si ferma l'offensiva di Israele nella Striscia di Gaza ma crescono le speranze di una tregua. Le forze armate di tel Aviv sono entrate a Gaza City, ingaggiando combattimenti con i miliziani di Hamas. Ma Tsahal ha colpito oltre ad un ospedale e al palazzo dei media, anche la sede dell'Onu dove moltissimi civili si erano rifugiati. Uccisi pure due ministri di Hamas. Intanto la diplomazia continua a lavorare in cerca di una soluzione alla crisi e Israele riflette sull'ipotesi di un immediato cessate uil fuoco. Fiducioso il segretario generale dell'Onu, Ban Ki-moon, ma intanto dopo tre settimane di guerra solno già oltre mille i morti tra i palestinsi.

Leggi tutto
Prossimo articolo