Filippine, rapito volontario italiano della Croce Rossa

1' di lettura

Eugenio Vagni, originario di Montevarchi, è stato sequestrato insieme ad altri due operatori umanitari nell'isola di Jolo. L'azione forse opera del gruppo jiadista Abu Sayyaf

Tre operatori della Croce Rossa Internazionale sono stati rapiti nelle Filippine, tra loro c'è anche un italiano. Eugenio Vagni, 62enne di Montevarchi, tornava con lo svizzero Andreas Notter e la filippina Mary-Jean Lacaba da una missione umanitaria nel carcere di Jolo, l'isola vulcanica nel sudest delle Filippine. I tre sono stati bloccati da un gruppo di motociclisti a poche centinaia di metri dal centro di detenzione e portati via a forza, responsabile del sequestro potrebbe essere il gruppo jiadista Abu Sayyaf.

Leggi tutto