Raid Usa in Siria, sfiorato incidente diplomatico

1' di lettura

Secondo l'amministrazione Bush, il raid nell'area al confine di Bou Kamal è servito per stanare e uccidere una figura di spicco della militanza, reclutatore di guerriglieri stranieri in Iraq. Per Damasco non è stata un'operazione antiterrorismo

Le versioni sono diverse e contrastanti: dagli Stati Uniti un'unica interpretazione, il raid in Siria, nell'aerea al confine di Bou Kamal, è servito per stanare e uccidere una figura di spicco della militanza, reclutatore di guerriglieri stranieri in Iraq. Secondo Damasco invece non è stata un'operazione antiterrorismo e ha provocato la morte di otto civili. Un funzionario statunitense sostiene che la morte di Abu Ghadiya ex luogotenente del leader ribelle iracheno Abu Musab al-Zarqawi, creerà grossi problemi alla rete del traffico di guerriglieri.

Leggi tutto
Prossimo articolo