Volevano uccidere Obama

1' di lettura

Un complotto per assassinare il candidato afroamericano alla presidenza degli Stati Uniti è stato sventato da investigatori federali: un gruppo neonazista era pronto a ucciderlo con altre 102 persone in Tennessee

Un complotto per assassinare il candidato presidente degli Stati Uniti Barack Obama e uccidere (anche decapitandoli) afroamericani in Tennessee, messo a punto da due presunti neo-Nazisti 'skinheads', e' stato sventato da investigatori federali americani. La notizia è stata diffusa dal network televisivo FoxNews.
Il piano terroristico di due giovani bianchi prevedeva di uccidere con armi da fuoco 88 studenti di colore e di decapitarne altri 14 indicati dagli autori del complotto come "non bianchi".
I due Skinheads che avevano pianificato la strage nel dettaglio miravano a colpire Barack Obama pur consapevoli che non sarebbe stato facile, ma erano disposti a morire per raggiungere l'obiettivo.
E l'America si risveglia con l'incubo del terrorismo nazionale a sfondo razziale.

Segui tutti gli aggiornamenti di questa notizia con SKYTG24
o sulla stampa Usa: Fox News, Cnn, Wall Street Journal

Leggi tutto
Prossimo articolo