Kundera "spia comunista"?

1' di lettura

Choc nel mondo della letteratura. Milan Kundera, il celebre scrittore ceco autore de "L'insostenibile leggerezza dell'essere", avrebbe collaborato con il regime comunista denunciando un dissidente. La rivelazione è stata smentita dallo scrittore

"Sono tutte menzogne". Milan Kundera, che non rilascia interviste da ormai più di un ventennio, ha rotto il suo silenzio per smentire seccamente ogni insinuazione sulla sua presunta collaborazione con il regime comunista cecoslovacco. La notizia, resa pubblica nella Repubblica Ceca dal settimanale Respekt, è emersa casualmente dagli archivi storici e sarebbe piuttosto circostanziata. Negli anni Cinquanta il futuro autore de "L'insostenibile leggerezza dell'essere", militante comunista, avrebbe denunciato un dissidente, Miroslav Dvoracek, poi arrestato e condannato a 22 anni di lavori forzati.

Leggi tutto
Prossimo articolo

le ultime notizie di skytg24